Emorroidi i sintomi inconfondibili

Vediamo in questo articolo di emorroidi, i sintomi più frequenti di questo fastidioso problema. Iniziamo spiegando una differenza fondamentale. Innanzitutto, bisogna dire che le emorroidi sono un problema molto comune e sono il risultato di un aumento della pressione nelle vene dell’ano.

Emorroidi sintomi

Sintomi delle emorroidi

Alcune persone sono più soggette ad altre per gli stili di vita, ad esempio l’eccessiva sedentarietà, o per uno stato fisco, ad esempio la gravidanza e il post parto. La pressione provoca il rigonfiamento delle vene e il dolore che si sente in posizione seduta. La causa delle emorroidi è soprattutto la pressione durante l’evacuazione, ma anche la stipsi, le infezioni anali e alcune malattie. Le emorroidi possono essere interne o esterne. Le emorroidi interne si verificano appena dentro l’ano e all’inizio del retto e le esterne si verificano all’apertura dell’ano.

Sintomi delle emorroidi quali sono?

Ed ora veniamo al nostro argomento: emorroidi e sintomi, che sono:

  • Prurito anale

  • Dolore anale o dolore, soprattutto da seduti

  • Sangue rosso vivo che si nota sulla carta igienica, sgabello , o nella tazza del gabinetto

  • Il dolore durante i movimenti intestinali

  • Uno o più duri teneri grumi vicino all’ano.

I diversi stadi delle emorroidi

L’intensità dei sintomi delle emorroidi dipende dalla gravità della patologia, dalla dimensione e dalla sporgenza rispetto al canale anale, prolasso. Le emorroidi interne si suddividono in stadi:

  • stadio I , dove sono piccoli e non sporgono. Minore sanguinamento indolore si verifica a volte dopo un movimento intestinale;
  • Fase II in cui le emorroidi possono sporgere durante il movimento intestinale, ma riposizionare spontaneamente in seguito;
  • stadio III emorroidi che devono essere posizionati manualmente;
  • stadio IV dove emorroidi causa prolasso – sono costantemente proiettando e stare se sono spinti nel retto. Essi possono causare sanguinamento. Le emorroidi possono essere dolorose se vengono strangolati dal ano o se si forma un coagulo di sangue.

Come attenuare il dolore delle emorroidi

Per trattare le emorroidi si utilizzano antidolorifici a base di corticosteroidi che aiutano a ridurre il dolore e il gonfiore, creme a base di lidocaina e sostanze emollienti delle feci per ridurre lo sforzo e la stipsi. Per ridurre il prurito si applicano con tamponi di cotone sostanze a base di hamamelis virginiana, pianta orientale dalle proprietà cicatrizzante e antinfiammatorie.

Per attenuare il prurito anale si consiglia inoltre di indossare indumenti intimi di cotone, evitare carta igienica troppo ruvida con profumi e colori, optare per le salviette dei neonati e stare attenti a non graffiare la superficie, soprattutto grattandosi. Per alleviare il fastidio usare l’acqua tiepida con una bagno di 10 – 15 minuti. Il trattamento termico può essere necessario nel caso il dolore non diminuisca. Mentre l’intervento chirurgico si rende necessario per dolori molto forti o sanguinamento eccessivo che porta ad anemia grave.

Prevenzione delle emorroidi

Per prevenire le emorroidi bisogna prevenire la stitichezza e lo sforzo durante l’evacuazione. Una dieta a base di fibre e verdure è importante perché favoriscono la digestione e ammorbidiscono le feci. Per prevenire, quindi, la stipsi e le emorroidi, è necessario:bere molti liquidi, almeno otto bicchieri al giorno; una dieta ricca di fibre di frutta, verdura e cereali integrali; utilizzare emollienti delle feci per evitare sforzare.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *