Emorroidi i farmaci per la cura

By | luglio 31, 2013

Tipologie ti farmaci per le emorroidi

Non è semplice parlare di emorroidi e farmaci perché la sintomatologia delle vene infiammate e ingrossate ha diversi sintomi e risvolti, quindi le cure e le terapie possono essere diverse così come le sostanze e i principi attivi applicati. Sono tre le tipologie di farmaci usate per le emorroidi: a somministrazione locale, assunzione via orale e intervento strutturale. Per le emorroidi si applicano anche creme, lozioni, gel tamponi, salviette, legature elastiche.

Emorroidi farmaci

Emorroidi farmaci e cure

 

Ci sono anche le precauzioni che accompagnano l’intera cura, al fine di diminuire i fastidi e i fattori di peggioramento, come la dieta, l’assunzione di fibre e sostanze per rendere morbide le feci, dato che spesso è lo sforzo per espellere quest’ultime che crea le emorroidi.

Effetto dei farmaci per emorroidi

Per le emorroidi, i farmaci servono soprattutto a ridurre i fastidiosi sintomi anali come il prurito e il gonfiore, vengono applicati con speciali spugnette assorbenti che non graffiano e non creano ulteriori infezioni. Gli analgesici locali, ad esempio, servono per alleviare temporaneamente il dolore, il bruciore, il prurito provocato dall’intorpidimento delle terminazioni del nervo. Gli elementi chimici più usati sono la benzocaina, l’alcol benzilico, il dibucaine, il dyclonine, la lidocaina il praxomine e la tetracaina. Questi farmaci per emorroidi devono essere usati sotto controllo medico e devono essere limitati alla zona perianale e inferiore del canale anale. Il loro utilizzo può causare episodi allergici o di reazione momentanea. I vasocostrittori sono altri trattamenti per emorroidi, i farmaci comprendono le seguenti sostanze: efedrina, epinefrina e fenilefrina. Sono sostanze chimiche che provocano il riassorbimento e restringimento dei vasi sanguigni gonfiati. Essi possono ridurre il dolore, il prurito e il senso di gonfiore che infastidisce, provoca anche un effetto anestetico lieve. Gli unguenti vasocostrittori possono essere applicati localmente nella zona perianale o per via orale o tramite iniezione. Non hanno effetti collaterali ma vanno comunque controllati nel caso siano presenti patologie come l’ipertensione, diabete, ipertiroidismo, insonnia e nervosismo, tendenza a tremori e convulsioni.

Farmaci per emorroidi composizione e controindicazioni

farmaci possono includere sostanze a base di corticosteroidi che riducono l’infiammazione e alleviano il prurito. Vengono usati solo per casi gravi e con dolori acuti, perché il loro uso può causare danni permanenti alla pelle. Per curare la pelle circostante alla zona delle emorroidi e provata dalla patologia si possono usare sostanze protettive che si possono applicare sia nella zona anale che nella zona perianale. Formano una membrana morbida protettiva per la pelle che impedisce il contatto con il liquido purulento prodotto dalle emorroidi e dalle feci ammorbidite. Queste creme comprendono sostanze naturali come il burro di cacao, la glicerina, il caolino, l’olio minerale Balneol, il petrolato bianco, l’amido, l’ossido di zinco. Calameni, aossido di Zinco e Amamelide, invece hanno proprietà astringenti, favoriscono la secchezza della pelle che prova meno senso di bruciore, dolore e prurito. Durante la cura delle emorroidi, tra i farmaci prescritti troviamo anche integratori di fibre che favoriscono la morbidezza delle emorroidi.