Emorroidi alimentazione: fibre e cibi irritanti, precauzioni nella dieta

Le emorroidi e la cattiva alimentazione

Emorroidi e alimentazione sono spesso legate, alcune carenze nutritive o cattive abitudini alimentari possono provocare la comparsa del disturbo, soprattutto in situazioni dove il fisico è predisposto alla comparsa di emorroidi interne ed esterne. Innanzitutto, le emorroidi che cosa sono? Sono grumi di tessuto che si formano all’interno del canale anale e che contengono vasi sanguigni, muscoli e fibre elastiche.

emorroidi alimentazione da evitare

Peperoncino fa male alle emorroidi

Quando parliamo di emorroidi esterne intendiamo i vasi sanguigni dilatati attorno all’ano. Le emorroidi possono provocare prurito anale, prolasso, infezione, sanguinamento e coagulazione. Per essere curate le emorroidi necessitano di una terapia che integra l’utilizzo di farmaci, supporti fisici come fasce. Le emorroidi possono colpire tutti, ma i picchi di prevalenza sono per uomini e donne tra i 45 e i 65 anni di età. Una delle cause delle emorroidi è l’eccessiva secchezza o grande dimensione delle feci che costringono l’ano e i muscoli ad un grande sforzo per espellere, i nervi tendono a gonfiarsi provocando i famosi fastidi connessi.

Alimentazione per la cura delle emorroidi

Per la cura e la prevenzione delle emorroidi, l’alimentazione diventa importante perché un’integrazione delle fibre aiuta ad ammorbidire le feci ed evitare situazioni di diarrea o stitichezza. Frutta, verdura, cereali integrali sono gli alimenti necessari alla durante la cura o per la prevenzione delle emorroidi, consentono di mantenere l’intestino pulito, ammorbidendo le feci anche di grossa quantità.

Le fibre vanno aggiunte con moderazione alla dieta perché in eccesso possono provocare problemi di gas intestinale e fermentazione. Nella dieta per emorroidi, prevenzione e cura, è importante evitare i cosiddetti cibi irritanti, sono quegli alimenti che con i loro residui tendono ad assorbire l’acqua dalle pareti del colon e impediscono la contrazione nervosa.

Ad un’alimentazione ricca di verdure e fibre è importante infatti associare una giusta assunzione di liquidi, quella raccomandata dai medici per la quotidianità: 8 bicchieri d’acqua giornalieri o due litri circa nell’arco di una giornata. Il contenuto di una bottiglia distribuito durante una giornata.

I cibi da evitare con le emorroidi

Tra i cibi irritanti bisogna escludere assolutamente senape, peperoncino, pepe e alcol perché tendono a restringere i liquidi e a creare dolore quando vengono espulsi dal corpo. Gli alimenti vanno assunti nelle giuste quantità, zuccheri raffinati e amidi non devono appesantire la digestione e creare situazioni di stitichezza. Senape, rosso (peperoncino), pepe e alcol tutti possono irritare i sintomi delle emorroidi quando i cibi vengono espulsi dal corpo.

Qualsiasi alimento che può causare stitichezza è da evitare, almeno in grandi quantità. Molti zuccheri raffinati e amidi sono esempi, come dolci e pane bianco, insieme con la maggior parte delle paste. Il caffè viene considerato un irritante perché è un lassativo che incide negativamente sui movimenti intestinali e sulla durezza delle feci. L’alcol, invece, è considerato dal nostro corpo una tossina. Il sudore e l’eccessivo bisogno di urinare che provoca tende ad incidere sullo stato di idratazione del nostro corpo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *